Relazioni

Perché le donne oneste sono così sfortunate nella vita familiare


Proprio ieri, ho incontrato in un bar con la mia amica Julia. Devo dire che la ammiro. Yulia ha poco più di 30 anni, è una madre di un'affascinante figlia di 10 anni, costruisce una carriera di successo, guadagna bene e ha un bell'aspetto. Ciò che precarizza, Julia - solo una bellezza, sulla scia di cui gli uomini piegano il collo.

Tutto in questa lista sarebbe perfetto, ma Julia non è sposata. No, sua figlia ha un padre in visita che paga regolarmente gli alimenti e la prende la domenica, ma la vita familiare di Julia non ha funzionato con lui, hanno divorziato 7 anni fa.

Quando si tratta di uomini, relazioni e vita familiare, negli occhi di Yulkina qualcosa oscura e un'ombra appena visibile attraversa. Il problema principale di tutte le donne divorziate di successo è che non vogliono legami con il sesso opposto. La vera zona di solitudine e di conforto arriva quando un uomo come il primo non era necessario, e con il resto tutto è molto difficile - un sacco di sciabordie, un completo cambiamento della propria vita e un adattamento per un'altra persona. Come si suol dire, è meglio essere soli che con chiunque.

La sindrome onora nella vita familiare

Julia è sempre stata una "ragazza eccellente": è andata a scuola approssimativamente, si è diplomata all'istituto con il diploma rosso, subito dopo il quinto anno ha sposato il primo bello sul torrente, un anno dopo ha dato alla luce una figlia. Sembra essere, eccolo, il sogno femminile: un matrimonio, un marito amato, una famiglia e un figlio.

Ma, non appena questo sogno si è avverato, Julia ha iniziato a perdere se stessa. Viveva in una modalità di regolazione costante sotto il marito e il desiderio di essere perfetto in tutto: la madre ideale, moglie, amante. La sua casa era sempre in ordine perfetto, la figlia era un bambino esemplare, nel suo letto Julia era come una vera ragazza portuale, e altre volte era gentile, gentile e affettuosa con suo marito. Ha sempre cercato di essere comprensiva, saggia, intelligente e condiscendente. Julia era a suo agio. Il marito cominciò presto ad abituarsi, e poi considerò completamente sua moglie, che era sempre pronta e pronta a tutto, naturalmente.

Tutto cadeva sulle fragili spalle di Yulina: prendersi cura di sua figlia, pulire, cucinare, riparare lavandini, sostituire teiere e ferri rotti, eseguire riparazioni e stimare entrate e spese. Il dovere di suo marito era di portare soldi dal lavoro e bere birra davanti alla televisione la sera. Yulia non capiva e non ricordava chi fosse veramente, cosa desiderava, cosa sogna, perché ogni secondo dei suoi pensieri e del suo tempo era occupato da qualcos'altro, ma non da se stesso.

E poi tutto è andato su pollice. La spinta interiore di Yulin era straripante, a un certo punto cadde e cominciò a discutere con suo marito tutto ciò che non le si addiceva. Fu terribilmente sorpreso, fece una faccia incomprensibile e affermò che ieri tutto andava bene. Julia divenne sempre più arrabbiata, insoddisfatta l'una dall'altra intensificandosi, diventando in liti e scandali.

"Semplicemente non ti ha apprezzato."

Tutta questa storia finì col divorzio. Senza minacce, condivisione di proprietà e figlio. Solo un tranquillo divorzio calmo, se puoi chiamarlo così. Ora Julia comunica con il suo ex marito come una buona conoscenza, risolvendo principalmente domande sull'educazione di sua figlia. Lei ha successo, è autosufficiente, intelligente e bella. Lei conosce il suo valore ed è in grado di godersi la vita.

Ma a volte, nei momenti delle nostre conversazioni sincere, Yulia ammette che se avesse immediatamente iniziato a dire al marito cosa non le piaceva e voleva cambiare, e non quando il punto di non ritorno era già passato, se non avesse provato se stessa come una donna ideale e non ha guidato se stessa nel quadro del perfezionismo, se non avesse costruito Madre Teresa da se stessa, allora tutto nella loro famiglia avrebbe potuto essere diverso.

"Che cosa sei, Julia! È solo un pazzo e non potrebbe apprezzarti ", ho esclamato in risposta alle sue parole. Julia rifletté per un momento e guardò da qualche parte in lontananza. "Certo, non potevo", rispose lei, e si diresse verso l'uscita dal caffè. Bello, abbagliante, fiducioso, orgoglioso e follemente solo.